Caso Diciotti: vergogna di Stato.

La Diciotti si trova ormeggiata al molo di levante del porto di Catania con a bordo 177 persone, tenute in balia di un braccio di ferro tra il ministro degli interni Salvini, che pone come condizione necessaria allo sbarco una ripartizione delle persone tra i paesi dell’ UE, e il ministro delle infrastrutture Toninelli, che dopo quattro giorni di stallo ha lasciato attraccare la nave della guardia costiera a Catania, senza però garantire lo sbarco.